Agricoltura

Tradizione e avanguardia sono le due anime inscindibili dell’agricoltura a Torre a Cenaia.

I metodi del passato incontrano qui le nuove tecnologie nel rispetto dell’ambiente, per trarre il massimo vantaggio dalle risorse del territorio senza sfruttarne e depredarne le ricchezze, assecondando le naturali inclinazioni dei terreni e mantenendo così il perfetto equilibrio tra uomo e natura, che contraddistingue da millenni il paesaggio toscano.

Le coltivazioni di orzo, girasoli, mais, sorgo, colza, erba medica e grano si avvicendano a rotazione ai campi lasciati a riposo. L’alternanza delle colture permette lo sfruttamento intelligente e naturale del suolo, con una drastica riduzione dell’impiego di anticrittogamici; questo ci permette di tutelare e salvaguardare la grande varietà di habitat della Tenuta, che ospitano una ricca fauna autoctona grazie alla quale è possibile ripopolare anche il territorio circostante.

La recente istituzione di 17 ettari di colture biologiche certificate, gestiti in collaborazione con l’Azienda Agricola BioColombini di Crespina, e l’avvio della conduzione biologica dei vigneti sono il naturale sviluppo di una politica agricola e ambientale attenta alle sfide del futuro.